leRubriche | Cinema
Stoker, di Park Chan Wook

Stoker, di Park Chan Wook

Primo film in lingua inglese per il Sud-Coreano Park Chan Wook: in rialzo citazioni e perfezionismi mentre scivolano verso il basso originalità e tensione del racconto

27 giugno 2013

Richard Stoker muore carbonizzato nella sua auto il giorno del diciottesimo compleanno della figlia India (Mia Wasikowska).

La giovane ragazza e la madre Evelyn (Nicole Kidman) non hanno ancora terminato di versare lacrime per il dramma occorsogli che dentro casa loro si stabilisce il misterioso fratello del defunto: lo zio Charlie (Matthew Goode).

Da dove viene quest’uomo, come mai prima nessuno ne aveva nemmeno sentito parlare e cosa nascondono le misteriose ombre del suo passato?

Mentre la vedova sperimenta il potere di seduzione del nuovo inquilino e India si dibatte tra il dolore e le respingenti domande che fanno vacillare le sue sicurezze ecco che il rapporto tra i soggetti in campo tende già ad un mutamento repentino: un bicchiere di vino color “rosso sangue” cerca di far breccia con entrambe e di carpirne la benevolenza o, meglio ancora, la loro amicizia. Ma in fondo, non sono già parenti?

Portando con se le tematiche a lui care – violenza e vendetta – ed incastonandole in atmosfere che richiamano il vecchio stile di alcune pellicole di Hollywood tra gli anni ’40 e 60, Park Chan Wook da Seul si trasferisce in America: la produzione gli da quaranta giorni di tempo per portare a termine il suo compito e lui la accontenta offrendogli un lavoro raffinato ma decisamente più glamour ed emotivamente inerte rispetto ai precedenti, con i quali ci aveva fin troppo viziato.

La costruzione è ordinata, la compostezza di ogni immagine impeccabile: i candidi fiori bianchi si schizzano di rosso, le matite disposte a misura scompaiono nell’attimo di un click nell’astuccio che le contiene ed ogni stato di agitazione viene ingoiato dagli occhi vitrei dei protagonisti; la partitura di pianoforte a quattro mani è picchiettata da dita che sbattono sui tasti suonando note morbose mentre esalano in superficie sensazioni languide ed affiorano le paure.

Lo zio Charlie viene trasposto da L’ombra del dubbio del maestro Hitchcock e la doccia nella quale India lava via le angosce, concedendo refrigerio ai suoi frementi ardori, è una evidente citazione da Psycho: nessun plagio o presunzione, semmai devozione ammirata che inchioda però il lavoro di Park Chan Wook ad esser letto alla stregua di un notevole esercizio di stile e ricerca certosina del dettaglio, facendolo inevitabilmente arretrare sul fronte della personalità, accusando anche una certa staticità ed afasia ed una quasi totale assenza di vere tensioni e colpi di scena.

E’ un triangolo freddo – nei colori e nella recitazione – quello tra la madre, la figlia e il destabilizzante ospite a sorpresa, dove affiorano gli irrisolti rapporti ed i crimini, le follie represse o nascoste ed attorno al quale giungono infine per formularsi gli interrogativi cari al regista Coreano come a molti altri della sua schiera: siamo responsabili di cio’ che siamo diventati? E’ l’ambiente e la vicinanza degli altri a renderci violenti oppure è già tutto scritto, addirittura ereditario ed al di fuori del nostro controllo tanto che ci è concesso solamente di poter al massimo deviare o placare gli istinti?

Molte le visioni d’autore ma non troppo inquiete, sostanzialmente senza la forza necessaria a scuoterci, incapaci di generare troppe domande o soddisfare risposte. Più simile ad un omaggio in guisa da grande appuntamento o ad una citazione possente e prolungata, Stoker è materia per cinefili di buon gusto ma rimane ondivaga e fatica a costruirsi una identità propria: si racconterà della sua bellezza innegabile e persino invidiabile – soprattutto rispetto allo scialbo panorama d’attorno – sempre però portando altro a pietra di paragone, come si fa quando tutto è estremamente piacevole ma sa di già visto e di già accaduto.

Franco Maresca

Tags:

, , , , , , ,

Nessun commento

Accedi o Registrati subito per pubblicare un commento.

CINEMA

Salvo di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza

Salvo di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza

Cuore ed istinto conducono “Salvo” lontano dai codici criminali della malavita. Così, in un arco di tempo brevissimo, una vita intera riacquista valore e dignità.

La quinta stagione di Peter Brosens e Jessica Woodworth

La quinta stagione di Peter Brosens e Jessica Woodworth

Brosens e Woodworth filmano un’apocalisse cattiva e silenziosa, dai colori garbati e tenui: “La quinta stagione” è quella del pregiudizio, dell’egoismo e dei peggiori istinti.

Stoker, di Park Chan Wook

Stoker, di Park Chan Wook

Primo film in lingua inglese per il Sud-Coreano Park Chan Wook: in rialzo citazioni e perfezionismi mentre scivolano verso il basso originalità e tensione del racconto

Il fondamentalista riluttante, di Mira Nair

Il fondamentalista riluttante, di Mira Nair

Oltre l’apparenza di una pellicola viva e movimentata la regista indiana Mira Nair riepiloga le ragioni e le peculiarità del conflitto culturale tra oriente e occidente, utilizzando una narrazione chiara e mirando alla distensione degli animi

Il caso Kerenes, di Calin Peter Netzer

Il caso Kerenes, di Calin Peter Netzer

Una tragedia scuote il rapporto tra Cornelia Kerenes e suo figlio: sullo sfondo del film di Calin Peter Netzer anche le molte ombre e le poche luci della Romania post comunista


Moda

Il cappello: cinema e moda

A falde larghe, tese o cadenti a floppy, a cloche, a cilindro, di paglia o di feltro, di velluti fascianti o sete irrigidite, da cowboy, fattore o modello Fedora.

Tendenza Optical: dall’arte alle passerelle

Illusione ottica e instabilità percettiva; sono questi i due punti base su cui si forma il trend che sta spopolando per la primavera estate

Viaggi

No te vayas: il padrone della nostra casa

Cronache Sivigliane. XV puntata

Toreria: il Minotauro che abbiamo in noi

Cronache Sivigliane. XIV puntata


GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI

 

La Èco è un blog aggiornato senza cadenza regolare