“Toglietemi pure la libertà ma ditemi cosa ha fatto il Genoa”

Terza Pagina

“Toglietemi pure la libertà ma ditemi cosa ha fatto il Genoa”

La grande passione di De André per il “Grifone”, rievocata dal giornalista Tonino Cagnucci

4 giugno 2013

Il 27 agosto del 1979 ebbe inizio una di quelle vicende di cronaca destinate a tenere tutta l’Italia incollata ai giornali. Alle nove e mezzo di sera vengono rapiti, dalla loro casa in Sardegna, Fabrizio De André e Dori Ghezzi. Saranno liberati il 21 dicembre dello stesso anno, dopo quasi quattro mesi di prigionia e isolamento quasi totale. Quasi. Lo racconta Dori Ghezzi: «Noi in prigionia praticamente non potevamo fare nulla, non ci davano la possibilità né di leggere i giornali, né di ascoltare la radio. Però se il Genoa vinceva o perdeva quello ce lo dicevano. Perché? Perché lo chiedeva Fabrizio! ‘Ditemi che ha fatto il Genoa’. Era una delle poche soddisfazioni che c’erano concesse».

«Dimme n’ po’: cossa l’ha faetu o Zena?». Ce le racconta Tonino Cagnucci, giornalista e tifoso della Roma, questa e altre storie, in un volume appena uscito per i tipi di Limina: Il Grifone fragile. Fabrizio De André: storia di un tifoso del Genoa. Cagnucci ha setacciato l’archivio del Centro Studi De André, che sta all’università di Siena: lì ci sono appunti, lettere e letterine, fogli volanti, soprattutto storie, per chi ha voglia di leggere. E questa storia d’amore, un po’ segreta, destinata a conquistare gli appassionati di De André e gli appassionati di calcio, ma anche e soprattutto quelli che vorranno scoprire uno dei modi di amare del cantautore più celebrato del secolo scorso. La fragilità è spesso il versante più suggestivo e poetico di molti sport, senz’altro più convincente, per i lettori ma anche per certi tifosi, del risvolto muscolare che ha colonizzato specialmente in tempi recenti il calcio e non solo. È l’amore per quel che è fragile che ci fa appassionare a Garrincha e a Van Basten, a Marilyn Monroe e Kurt Cobain, a Zigoni e Meroni, per tornare a Genova e al Genoa, la squadra che da quasi un secolo “va per uno”. Ce ne ha parlato De André, con le sue canzoni e il suo modo di essere, e oggi ce ne parla questo libro che, nella vastissima agiografia dedicata all’artista, si segnala per originalità e poesia, nel rammentarci che “spesso l’amore più grande è nascosto”.

Francesco Zardo

Tonino Cagnucci, Il Grifone fragile. Fabrizio De André, storia di un tifoso del Genoa, Limina, 171 pp., 16,90 euro.

***

Argomento: Terza Pagina

Tags:

, , , , , , , , , ,

Nessun commento

Accedi o Registrati subito per pubblicare un commento.

CINEMA

Salvo di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza

Salvo di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza

Cuore ed istinto conducono “Salvo” lontano dai codici criminali della malavita. Così, in un arco di tempo brevissimo, una vita intera riacquista valore e dignità.

La quinta stagione di Peter Brosens e Jessica Woodworth

La quinta stagione di Peter Brosens e Jessica Woodworth

Brosens e Woodworth filmano un’apocalisse cattiva e silenziosa, dai colori garbati e tenui: “La quinta stagione” è quella del pregiudizio, dell’egoismo e dei peggiori istinti.

Stoker, di Park Chan Wook

Stoker, di Park Chan Wook

Primo film in lingua inglese per il Sud-Coreano Park Chan Wook: in rialzo citazioni e perfezionismi mentre scivolano verso il basso originalità e tensione del racconto

Il fondamentalista riluttante, di Mira Nair

Il fondamentalista riluttante, di Mira Nair

Oltre l’apparenza di una pellicola viva e movimentata la regista indiana Mira Nair riepiloga le ragioni e le peculiarità del conflitto culturale tra oriente e occidente, utilizzando una narrazione chiara e mirando alla distensione degli animi

Il caso Kerenes, di Calin Peter Netzer

Il caso Kerenes, di Calin Peter Netzer

Una tragedia scuote il rapporto tra Cornelia Kerenes e suo figlio: sullo sfondo del film di Calin Peter Netzer anche le molte ombre e le poche luci della Romania post comunista


Moda

Il cappello: cinema e moda

A falde larghe, tese o cadenti a floppy, a cloche, a cilindro, di paglia o di feltro, di velluti fascianti o sete irrigidite, da cowboy, fattore o modello Fedora.

Tendenza Optical: dall’arte alle passerelle

Illusione ottica e instabilità percettiva; sono questi i due punti base su cui si forma il trend che sta spopolando per la primavera estate

Viaggi

No te vayas: il padrone della nostra casa

Cronache Sivigliane. XV puntata

Toreria: il Minotauro che abbiamo in noi

Cronache Sivigliane. XIV puntata


GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI

 

La Èco è un blog aggiornato senza cadenza regolare