Jovanotti: istruzioni per restare umani

Terza Pagina

Jovanotti: istruzioni per restare umani

Palalottomatica di Roma incandescente per la sesta data romana dell’ ‘Ora Tour’ di Lorenzo Cherubini

1 marzo 2012

Stanco? Deluso? Amareggiato? E pure un po’ risentito nei confronti dei tuoi simili?
Vai a vedere un concerto di Jovanotti: distillato adrenalinico di gioia di vivere, energia e bellezza. E l’umano che in metropolitana ti sembrava triste e sconsolato, burbero e annoiato, risorgerà a nuova vita. Saltando, danzando, gridando, cantando l’amore.
‘Jovanotti for president’: è lo striscione dei fans del loggione del Palalottomatica di Roma, ieri sera incandescente per la sesta data romana dell’ ‘Ora Tour’ di Lorenzo Cherubini, il “ragazzo fortunato” non perché chissà quanto guadagna – come pensa il materialista che è in noi – ma perché “questa è la vita che sognavo da bambino”, come ripete ‘Megamix’, la canzone che apre l’ultimo album ‘Ora’. Essere un musicista-pensatore-attivista, divertirsi come un matto e far ballare il pubblico sugli spalti: vocazione semplice, voluta e vissuta.

E se la crisi fosse proprio questo? Migliaia di persone che non si chiedono più cosa vogliono davvero essere nella vita, ma solo quanto vogliono contare, nel mondo e nelle loro tasche?
Siamo invitati a partire per un viaggio. Il nocchiero iniziale è Piero Angela che presenta una puntata di ‘Quark’, l’approdo è ignoto ma intanto godiamoci le scariche di “fuoco, acqua, elettricità” che arrivano dal palco evocando ‘Safari’. “Noi siamo l’elemento umano nella macchina, e siamo liberi, sotto alle nuvole”. Abbiamo bisogno che qualcuno ce lo ricordi, se non abbiamo altri maestri spirituali. Liberi, unici, capaci di amare, ma anche di “farci del male per abitudine”. Per questo “restiamo umani”, e le parole del pacifista Vittorio Arrigoni risuonano tra “le stelle che cadono nella notte dei desideri”.

Clicca la foto per visualizzare la galleria

Sul palco uno schermo segue con tecnologie raffinate quel burattino indiavolato e sorridente che è poeta, cantante, giocoliere, danzatore, amante della vita e delle cose belle: un uomo che a 45 anni non ha perso il gusto di pensare, riflettere, interrogarsi, per poi far confluire tutto in una musica incendiaria o romanticissima per una tribù che balla. E che vuole crederci anche se attorno tutto rema contro. “Ricorderai di avermi atteso tanto, e avrai negli occhi un rapido sospiro”: Ungaretti sullo schermo per ricordare la morte della mamma, mentre sotto si accendono mille luci di cellulari, accendini postmoderni da concerto.
C’è spazio anche per fermarsi. E ricordare Francesco, 19 anni, il ragazzo morto sotto il crollo delle impalcature che si stavano montando al Palasport di Trieste lo scorso dicembre. “Ne devo parlare perché a 19 anni ho iniziato a fare dischi, e non mi dà pace il pensiero che la vita si fermi quando deve cominciare”.

E allora viviamo ora, adesso, attimo per attimo. Guardiamoci negli occhi. Per essere noi, tutti assieme, “il più grande spettacolo dopo il Big-Bang”.

Lucia Cosmetico

Argomento: Terza Pagina

Tags:

, , , , , , ,

Nessun commento

Accedi o Registrati subito per pubblicare un commento.

CINEMA

Salvo di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza

Salvo di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza

Cuore ed istinto conducono “Salvo” lontano dai codici criminali della malavita. Così, in un arco di tempo brevissimo, una vita intera riacquista valore e dignità.

La quinta stagione di Peter Brosens e Jessica Woodworth

La quinta stagione di Peter Brosens e Jessica Woodworth

Brosens e Woodworth filmano un’apocalisse cattiva e silenziosa, dai colori garbati e tenui: “La quinta stagione” è quella del pregiudizio, dell’egoismo e dei peggiori istinti.

Stoker, di Park Chan Wook

Stoker, di Park Chan Wook

Primo film in lingua inglese per il Sud-Coreano Park Chan Wook: in rialzo citazioni e perfezionismi mentre scivolano verso il basso originalità e tensione del racconto

Il fondamentalista riluttante, di Mira Nair

Il fondamentalista riluttante, di Mira Nair

Oltre l’apparenza di una pellicola viva e movimentata la regista indiana Mira Nair riepiloga le ragioni e le peculiarità del conflitto culturale tra oriente e occidente, utilizzando una narrazione chiara e mirando alla distensione degli animi

Il caso Kerenes, di Calin Peter Netzer

Il caso Kerenes, di Calin Peter Netzer

Una tragedia scuote il rapporto tra Cornelia Kerenes e suo figlio: sullo sfondo del film di Calin Peter Netzer anche le molte ombre e le poche luci della Romania post comunista


Moda

Il cappello: cinema e moda

A falde larghe, tese o cadenti a floppy, a cloche, a cilindro, di paglia o di feltro, di velluti fascianti o sete irrigidite, da cowboy, fattore o modello Fedora.

Tendenza Optical: dall’arte alle passerelle

Illusione ottica e instabilità percettiva; sono questi i due punti base su cui si forma il trend che sta spopolando per la primavera estate

Viaggi

No te vayas: il padrone della nostra casa

Cronache Sivigliane. XV puntata

Toreria: il Minotauro che abbiamo in noi

Cronache Sivigliane. XIV puntata


GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI

 

La Èco è un blog aggiornato senza cadenza regolare